-22%

Castello di Neive Barbaresco Gallina 2014 Barbaresco DOCG

Castello di Neive Barbaresco Gallina 2014 Barbaresco DOCG

0.75 l
Castello di Neive Castello di Neive Barbaresco Gallina 2014 Barbaresco DOCG Rosso
Gambero Rosso: Due bicchieri
A.I.S.: Tre viti
Bibenda: Cinque grappoli

Disponibile

In enoteca: 45,00 €

su Vino.it: 34,90 €

Le uve del Barbaresco Gallina di Castello di Neive provengono dalla sottozona Gallina, una delle più famose di Neive, a 240 metri s.l.m. circa . La superficie totale è 1,30 Ha ed è esposta a sud, sud-ovest. L’età dei vigneti è maggiore di 40 anni.
L'affinamento per questo grandissimo Barbaresco è di 12 mesi in botti di rovere francese, poi 6 mesi in bottiglia
Nebbiolo pieno ed aromatico, con tannini fini ed eleganti
Ottimo in abbinamento a primi piatti saporiti a base di tartufo, funghi ed a carni rosse e formaggi stagionati
La produzione annua si attesta intorno alle 4000 annue.
Abbinamenti: pasta all'uovo , primi a base carne, formaggi stagionati
Potresti provare anche:
Agricola Brandini Barolo Bio 2012 Barolo DOCG

In enoteca: 40,00 €

su Vino.it: 32,00 €

Mirafiore Barolo Lazzarito 2010 BAROLO DOCG

In enoteca: 60,00 €

su Vino.it: 54,90 €

Borgogno Barolo Fossati 2011 BAROLO DOCG

In enoteca: 62,50 €

su Vino.it: 49,90 €

Borgogno Barolo Cannubi 2011 BAROLO DOCG

In enoteca: 92,00 €

su Vino.it: 73,50 €

Fontanafredda Barbaresco Coste Rubin  2013 Barbaresco DOCG

In enoteca: 35,00 €

su Vino.it: 29,90 €

Produttori del Barbaresco Nebbiolo 2016 Langhe Nebbiolo DOC

In enoteca: 18,50 €

su Vino.it: 14,90 €

La Spinetta Bordini 2014 Barbaresco DOCG

In enoteca: 58,00 €

su Vino.it: 43,50 €

Scheda del vino Castello di Neive Barbaresco Gallina 2014

Regione Piemonte
Vitigno principale Nebbiolo
Uvaggio 100% Nebbiolo
Alcol (%) 14.5
L'azienda

I fratelli Stupino - Anna, Giulio, Italo e Piera - sono i proprietari del Castello e di circa 60 ettari di terreni in Neive. Sono tutti nati a Neive come pure i genitori, i nonni ed i bisnonni .La storia dell'azienda ha inizio quando loro padre, Giacomo, comincia a mettere a frutto la sua esperienza di geometra e grande conoscitore dell'area e ad acquisire, ove possibile, terreni e vigne nelle posizioni migliori.

Nelle piccole cantine della vecchia casa degli Stupino inizia così la prima produzione di vino per consumo domestico e per la vendita sfuso. Messoirano, Montebertotto, Basarin, Valtorta, I Cortini: il numero delle cascine e delle vigne acquistate da Giacomo cresce e così anche la produzione. Ed è così che nel 1964 viene acquisito il castello con le sue spaziose cantine e con le cascine Santo Stefano e Marcorino, oltre ad altri terreni già del conte Guido Riccardi Candiani. E' questa la svolta che spinge ad organizzare la cantina, a ristrutturare le vigne lasciate a gerbido dal vecchio proprietario, a produrre vino con sistemi moderni.

Negli ultimi anni Italo si è impegnato in modo diretto e totale nella conduzione dell'azienda con il marchio "Castello di Neive Azienda Agricola": un impegno che pare seguire una premonizione che traspare dalla vecchia foto (anteguerra!) in cui il nonno Mentore gli mostra un grappolo d'uva. Lo sviluppo dei mercati, specialmente esteri, ha resa necessaria la trasformazione di tutte le uve dei nostri vigneti Le pur spaziose cantine del castello non sono più state in grado di permettere tale operazione e quindi abbiamo deciso, nella primavera del 2012, di trasferire le operazioni di produzione e quindi i macchinari e le vasche di acciaio inox in una nuova struttura tecnica - Cantina 2 - con un razionale lay-out, concentrando nelle cantine del castello tutte le botti in legno grandi e piccole per l’invechiamento dei vini.

Abbinamenti pasta all'uovo , primi a base carne, formaggi stagionati
Occasione Barbeque, Degustazione tra esperti, My way, Un grande classico per non sbagliare
Dai un'occhiata anche a
Scrivi la tua recensione

Ogni cliente registrato può scrivere una recensione. Accedi o registrati