-25%

Feudi di San Gregorio Lacryma Christi del Vesuvio Bianco 2016 Lacryma Christi del Vesuvio DOC

Feudi di San Gregorio Lacryma Christi del Vesuvio Bianco 2016 Lacryma Christi del Vesuvio DOC

0.75 l
Feudi di San Gregorio Feudi di San Gregorio Lacryma Christi del Vesuvio Bianco 2016 Lacryma Christi del Vesuvio DOC Bianco

Esaurito

In enoteca: 10,50 €

su Vino.it: 7,90 €

Il Lacryma Christi del Vesuvio Bianco è un vino bianco campano prodotto alle pendici del Vesuvio da uve Coda di Volpe e Falanghina.
Il nome deriva dalla leggenda che vuole che l’origine della vite sul Vesuvio si debba alle lacrime di Gesù.
Bianco morbido e fresco, con una nota minerale che lo rende ideale in abbinamento ad antipasti di pesce.
Abbinamenti: pesce alla griglia, Antipasti di pesce, primi piatti vegetariani
Feudi di San Gregorio
Potresti provare anche:
Colli di Lapio Alexandros 2015 Greco di Tufo DOCG

In enoteca: 20,00 €

su Vino.it: 15,50 €

Di Majo Norante Greco 2016 Molise DOC

In enoteca: 11,00 €

su Vino.it: 8,90 €

Tormaresca Roycello Fiano 2016 Salento IGT

In enoteca: 12,40 €

su Vino.it: 10,50 €

Scheda del vino
Regione

Campania

Vitigno principale Coda di Volpe
Uvaggio Coda di Volpe, Falanghina
Alcol (%) 13
L'azienda

Fondata nel 1986, Feudi di San Gregorio è oggi il marchio simbolo del rinascimento enologico del meridione d'Italia e di una cultura del bere volta a riscoprire l'identità dei sapori mediterranei. Salvaguardare la tradizione ricercandone tutte le potenzialità. Valorizzare i vitigni del Sud Italia come l'Aglianico, il Fiano di Avellino e il Greco di Tufo, investire nella terra e nella tradizione secolare della viticultura irpina, restituendo un futuro ad un patrimonio ambientale unico. Oggi Feudi di San Gregorio è - e vuole essere sempre di più - un luogo d'incontro, di confronto, di conoscenza, di meditazione, un laboratorio di idee e cultura. Valorizzare i vitigni del Sud Italia come l'Aglianico, il Fiano di Avellino e il Greco di Tufo, investire nella terra e nella tradizione secolare della viticoltura irpina, restituendo un futuro ad un patrimonio ambientale unico.

Salita la collina verso Sorbo Serpico, ci si addentra in un mondo magico, tra luoghi d’acqua inaspettati, giardini di spezie e roseti in fiore. La sorpresa più grande è però all’interno della cantina: la lunga bottaia che ospita i vini rossi. Al progetto della cantina hanno partecipato professionisti di livello mondiale: l'architetto giapponese Hikaru Mori ha avuto il difficile compito di dare unità architettonica alle strutture preesistenti, sviluppatesi nel tempo. Massimo e Lella Vignelli, simboli del design italiano nel mondo e “autori” delle etichette dell’azienda, hanno disegnato gli arredi e gli interni.

Abbinamenti Pesce alla griglia, Antipasti di pesce, primi piatti vegetariani
Occasione A lume di candela, Cena vegetariana, Rito quotidiano
Dai un'occhiata anche a

 

Scrivi la tua recensione

Ogni cliente registrato può scrivere una recensione. Accedi o registrati