Albino Armani Egle 2017 Valpolicella Classico Superiore DOC

Albino Armani Egle 2017 Valpolicella Classico Superiore DOC

0.75 l
Albino Armani Albino Armani Egle 2017 Valpolicella Classico Superiore DOC Rosso https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-albino-armani-egle-2017-valpolicella-classico-superiore-doc.jpg
Gambero Rosso: Due bicchieri
A.I.S.: Tre viti

Questo vino è esaurito ma abbiamo altri 600 vini per te. Clicca qui

In enoteca: 13,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Questo vino è prodotto da viti coltivate su terrazzamenti di alta collina tra Camporal e San Rocco, nell’alta valle di Marano di Valpolicella, cuore della zona Classica.
Dall’elegante equilibrio tra corpo e freschezza, deriva un vino di carattere, longevo, che rende riconoscibile il territorio di origine.
Colore rubino vivace, sentori di ciliegia selvatica e prugna al naso. Al palato l’uva di alta collina conferisce sapidità, freschezza ed eleganza.
Da servire a 14-16°C.
Abbinamenti: primi piatti, carni bianche e formaggi freschi
Potresti provare anche:
Giusti Lacrima di Morro d'Alba 2018 Lacrima di Morro d'Alba DOC

In enoteca: 14,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Scheda del vino Albino Armani Egle 2017

Regione Veneto
Vitigno principale Corvina,
Uvaggio Corvinone, Rondinella
Alcol (%) 13.5
Contiene solfiti
Imbottigliato da CANTINA VINI ARMANI SRL - Dolcè (Verona) - Italy
L’azienda

Albino Armani

Quattrocento anni nella vigna e la passione per il vino. Nella Valle dell’Adige la storia della mia famiglia e quella della viticoltura camminano insieme da molto tempo. Tutto cominciò il 7 dicembre 1607, quando Domenico Armani firmò il documento notarile, ora custodito nell’Archivio Storico di Trento, che gli consegnava i terreni con “arbori e vigne” appartenuti al padre Simone. E’ una storia collettiva, che da quel momento prende il nome di una famiglia. Quattro secoli che sono diventati tradizione, una tradizione che ogni giorno mi insegna il metodo, il rispetto e la tenacia. E mi stimola a crescere ancora. Con la convinzione che il mio sia il più bel lavoro del mondo, che mettere le mani nella terra per farla diventare vino, sia il più bel mestiere che potesse capitarmi di fare nella vita.

Mi ispira un pensiero semplice e allo stesso tempo potente: rispettare la terra e i luoghi dove sono cresciuto. Dove fin da bambino, insieme a mio padre, ho imparato a giocare fra le botti della cantina e le vigne della campagna; dove ho imparato cosa fosse la vita e cosa fosse la vite.

Tappo Sughero
Abbinamenti primi piatti, carni bianche e formaggi freschi
Occasione Degustazione tra esperti, Serata tra amici