Villa Sandi Prosecco "Il Fresco" millesimato DOC 2012 Treviso DOC

Albino Armani Ripasso Valpolicella Ripasso Superiore DOC

0.75 l
Albino Armani Albino Armani Ripasso 2017 Valpolicella Ripasso Superiore DOC Rosso https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-albino-armani-ripasso-2016-valpolicella-ripasso-superiore-doc_2.jpg

Disponibile

In enoteca: 17,00 €

su Vino.it: 13,90 €

Nella versione Ripasso, cioè ripassato sulle vinacce del nostro Amarone appena svinato, il Valpolicella d’annata si arricchisce di struttura e concentrazione che ne consentono l’abbinamento a piatti di carne e formaggi più impegnativi.
Rosso veneto dal colore rosso intenso, profumo elegante di ciliegie mature, more e spezie (lo zenzero in particolare). Gusto persistente e caldo, ma dotato al contempo di note fresche e piacevole sapidità.
Da servire a 14-16°C.
Abbinamenti: primi piatti con ragù, selvaggina, formaggi stagionati
Potresti provare anche:
Giusti Lacrima di Morro d'Alba 2018 Lacrima di Morro d'Alba DOC

In enoteca: 14,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Albino Armani Egle 2017 Valpolicella Classico Superiore DOC

In enoteca: 13,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Quartomoro Cannonau Òrriu  2018 Cannonau di Sardegna DOC

In enoteca: 14,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Scheda del vino Albino Armani Ripasso 2017

Regione Veneto
Vitigno principale Corvina,
Uvaggio Corvinone, Rondinella
Alcol (%) 13.5
Contiene solfiti
Imbottigliato da CANTINA VINI ARMANI SRL - Dolcè (Verona) - Italy
L’azienda

Albino Armani

Quattrocento anni nella vigna e la passione per il vino. Nella Valle dell’Adige la storia della mia famiglia e quella della viticoltura camminano insieme da molto tempo. Tutto cominciò il 7 dicembre 1607, quando Domenico Armani firmò il documento notarile, ora custodito nell’Archivio Storico di Trento, che gli consegnava i terreni con “arbori e vigne” appartenuti al padre Simone. E’ una storia collettiva, che da quel momento prende il nome di una famiglia. Quattro secoli che sono diventati tradizione, una tradizione che ogni giorno mi insegna il metodo, il rispetto e la tenacia. E mi stimola a crescere ancora. Con la convinzione che il mio sia il più bel lavoro del mondo, che mettere le mani nella terra per farla diventare vino, sia il più bel mestiere che potesse capitarmi di fare nella vita.

Mi ispira un pensiero semplice e allo stesso tempo potente: rispettare la terra e i luoghi dove sono cresciuto. Dove fin da bambino, insieme a mio padre, ho imparato a giocare fra le botti della cantina e le vigne della campagna; dove ho imparato cosa fosse la vita e cosa fosse la vite.

Tappo Sughero
Abbinamenti primi piatti con ragù, selvaggina, formaggi stagionati
Occasione Degustazione tra esperti, Serata tra amici