Hauner Malvasia Naturale 2014 Malvasia delle Lipari DOC

Caravaglio Infatata 2018 Salina IGT

0.75 l
Caravaglio Caravaglio Infatata 2018 Salina IGT Bianco https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-caravaglio-infatata-2018-salina-igt.jpg

Disponibile

In enoteca: 24,00 €

su Vino.it: 18,90 €

Questa Malvasia in purezza nasce da vigne coltivate nel pieno rispetto della natura, nel vigneto di Tricoli. L’appezzamento ha forma triangolare, da cui il nome. Il vigneto si proietta sul versante Nord dell’isola di Salina, con esposizione nord ovest in un abbraccio verso il blu del Mediterraneo.
La fermentazione delle uve avviene esclusivamente su lieviti autoctoni e a temperatura controllata.
Di sapidità ed eleganza notevole questo vino bianco siciliano è ottimo in abbinamento a grigliate di pesce.
Temperatura di servizio: 8°C.
Abbinamenti: carni bianche, spaghetti allo scoglio, frutti di mare
Potresti provare anche:
Masciarelli Pecorino Bio Valori  2018 Abruzzo DOC

In enoteca: 11,50 €

su Vino.it: 9,20 €

Girlan Chardonnay 2018 Alto Adige DOC

In enoteca: 14,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Scheda del vino Caravaglio Infatata 2018

Regione No
Vitigno principale Malvasia
Uvaggio Malvasia 100%
Alcol (%) 13
L’azienda

Una volta tornato a Salina, il pensiero di Nino Caravaglio fu di lavorare per il miglioramento qualitativo, risultato che negli anni lo portò a diverse sperimentazioni, affinamenti tecnologici (senza mai esagerare poiché la cantina non è un’officina) e a compiere tutti i passi necessari per produrre e mettere sul mercato seriamente i prodotti storici dell’isola di Salina: vino e capperi. Trovò un’isola diversa da quella della sua infanzia.

“Negli anni Ottanta, nel giro di pochi anni, tutto a Salina era mutato.

Il turismo aveva riconvertito l’economia dell’isola che aveva via via quasi perso la sua preponderante identità agricola”. Tutto successe molto in fretta e questo cambio repentino mutò anche l’impronta antropologica e le relazioni e i rapporti mutarono di conseguenza. Ma Caravaglio era convinto: voleva sviluppare il suo progetto agricolo e voleva farlo puntando al massimo dello sviluppo qualitativo.

Pensava alla due colture tradizionali: vino e capperi.

L’azienda nasce nel 1989. Puntare alla qualità significò da subito una scelta importante: produrre secondo i dettami dell’agricoltura biologica. Oggi i terreni vitati in diretta conduzione aziendale sono distribuiti su una superficie di circa 20 ettari.

Tappo Sughero
Abbinamenti carni bianche, spaghetti allo scoglio, frutti di mare
Occasione Business lunch, Cena vegetariana, Pic Nic, Serata tra amici