Feudi di San Gregorio Aglianico del Vulture 2009 Vulture DOC

Carbone 400 Some 2013 Aglianico del Vulture DOC

0.75 l
Carbone Carbone 400 Some 2013 Aglianico del Vulture DOC Rosso https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-carbone-400-some-2012-aglianico-del-vulture-doc_2.jpg

Disponibile

In enoteca: 24,00 €

su Vino.it: 18,50 €

400 Some è’ il vino di Carlo D’angiò, il quale, dopo un soggiorno sulle colline del Vulture, innamoratosene, ne chiese 400 some per la sua cantina.
Questo Aglianico in purezza della cantina Carbone viene affinato in botti di rovere da 330 lt, già usate, in grotte in tufo a temperatura costante e umidità naturale
Vino Rosso imponente e di grande struttura, con evidenti note speziate al naso e morbido ed avvolgente al palato.
Ottimo in abbinamento a carni rosse, formaggi stagionati. Dalla tradizione lucana agnello al forno con patate.
Da servire a 18-20°C.


Abbinamenti: carne rossa, primi a base carne, formaggi stagionati, pasta al forno
Potresti provare anche:
Nino Negri Inferno 2016 Valtellina superiore DOCG

In enoteca: 18,00 €

su Vino.it: 15,90 €

Scheda del vino Carbone 400 Some 2013

Regione Basilicata
Vitigno principale Aglianico
Uvaggio Aglianico 100%
Alcol (%) 14
L’azienda

L’azienda Carbone è situata a Melfi alle pendici del monte Vulture, un antico vulcano nel cuore della Basilicata che ha donato alla zona un terroir unico: un terreno lavico ricco di potassio ed estremamente fertile. La natura incontaminata del Vulture regala acque minerali, vini e oli di elevata qualità. Il suo connubio con il microclima, caratterizzato da elevate escursioni termiche, rende unico l’Aglianico che affonda le proprie radici in quest’area. Il vino è una passione di famiglia per i Carbone, viticoltori già dal 1974, tramandata ai figli Luca e Sara che proseguono l’attività di vinificazione dell’Aglianico del Vulture DOC nel senso della continuità di esperienze e valori. La filosofia di fondo che guida le scelte della famiglia è l’esaltazione del Terroir, il legame con la terra fertilissima del Vulture frutto di millenni di generoso lavoro lasciato in eredità da questo vulcano.

L’attività di vinificazione comincia nel vigneto, dove le lavorazioni seguono il ritmo biologico vegetativo della pianta e puntano ad ottenere una limitata resa per ceppo per privilegiare le qualità organolettiche. La vendemmia è fatta a mano in piccole cassette. In cantina le più moderne tecnologie sono al servizio della preservazione del carattere peculiare del nobile vitigno autoctono così austero e allo stesso tempo esuberante. Grazie al sodalizio con l’enologo Sergio Paternoster nascono dei vini dal volto autentico, dal carattere forte e solare, legati al territorio e alla sua storia.

Tappo Sughero
Abbinamenti Carne rossa, primi a base carne, formaggi stagionati, pasta al forno
Occasione Barbeque, Degustazione tra esperti, Serata tra amici, Un grande classico per non sbagliare