Castello del Terriccio Tassinaia Magnum 2007 Toscana IGT

Castello del Terriccio Tassinaia Magnum 2007 Toscana IGT

0.75 l
Castello del Terriccio Castello del Terriccio Tassinaia Magnum 2007 Toscana IGT Rosso https://vino.it/media/catalog/product/3/5/354.jpg
Gambero Rosso: Due bicchieri
Bibenda: Quattro grappoli
Parker: 92 punti
Wine Spectator: 94 punti

Questo vino è esaurito ma abbiamo altri 600 vini per te. Clicca qui

69,90 €
Questo vino, ottenuto solo dalle uve rosse migliori dell'azienda, accuratamente selezionate in vigna ed in cantina, è impreziosito da un paziente affinamento in legno di 14 mesi. Il risultato è un vino pieno, caldo, corposo, intenso, che vi avvolgerà con la sua morbidezza.
Abbinamenti: carne rossa, primi a base carne, formaggi stagionati, selvaggina
Castello del Terriccio
Dettagli
Il suo nome, "luogo dei sassi", deriva da un lato dalla pietra presente nel sottosuolo di questi terreni che è servita alla costruzione della maggior parte dei fabbricati presenti sul lato del podere dove si trovano gli impianti chiamati "Tassinaia". Il Tassinaia è ottenuto in percentuali pressoché uguali, da uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese tutte di origine autoctona. Dopo 14 mesi di affinamento in barriques di rovere francese, anche il Tassinaia viene assemblato e fatto affinare in vetro per circa 12 mesi prima di essere commercializzato.

Scheda del vino Castello del Terriccio Tassinaia Magnum 2007

Regione

Toscana

Vitigno principale Cabernet Sauvignon
Uvaggio Merlot e altre uve a bacca rossa
Alcol (%) 14
Contiene solfiti
Imbottigliato da Soc. Agr. Castello del Terriccio S.r.l. - Castellina Marittima - Italia
L’azienda

Castello del Terriccio

Il Castello del Terriccio è situato parte nella provincia di Pisa (a circa 30 chilometri dal capoluogo) e parte in provincia di Livorno, al limite settentrionale della Maremma Toscana. Bolgheri è a 20 chilometri, Cecina a meno di 10 km. I terreni della Tenuta sono parte in pianura e parte in collina, poco sotto il paese di Castellina Marittima.

La storia moderna del Terriccio ha inizio nel primo dopoguerra, quando la Tenuta fu acquisita dai conti Serafini Ferri.

Con gli importanti interventi di miglioramento fondiario realizzati negli anni Venti, i Serafini Ferri modernizzarono sensibilmente la fisionomia agricola dell'azienda approfondendo la vocazione agricola del Terriccio. Vennero messi a coltura la maggior parte dei terreni, realizzati oliveti e vigneti e ristrutturati la maggior parte dei vitigni.

Sotto la guida di Gian Annibale Rossi di Medelana Serafini Ferri, il Terriccio è un'importante azienda agricola di 1860 ettari che grazie alla cura posta, in particolare nella coltivazione dell'uva, produce vini dotati di grande personalità e legati profondamente al loro terroir.

Tappo Sughero
Abbinamenti Carne rossa, primi a base carne, formaggi stagionati, selvaggina
Occasione Degustazione tra esperti