Cieck Erbaluce di Caluso 2016 Erbaluce di Caluso DOC

Cieck Erbaluce di Caluso Erbaluce di Caluso

0.75 l
Cieck Cieck Erbaluce di Caluso 2019 Erbaluce di Caluso Bianco https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-cieck-erbaluce-di-caluso-2016-erbaluce-di-caluso-doc_2_2_2.jpg
A.I.S.: Due viti

Disponibile

In enoteca: 15,00 €

su Vino.it: 11,90 €

L'Erbaluce di Caluso è un vitigno conosciuto fin dal 1600, grazie ad un libro di cronache di G.B. Croce che all’epoca era il gioielliere di fiducia del duca Carlo Emanuele I, ed è stata la prima DOC di vitigno bianco del Piemonte, istituita già nel 1967 e modificata nel 1998
Le caratteristiche di questo vitigno sono gli aromi eleganti e alla sua spiccata acidità e per questo si presta anche a essere vinificato in versione Passito, oltre che nella tipologia classica
L'Erbaluce di Caluso DOC di Cieck è un vino bianco fruttato piemontese prodotto da uve selezionate (Erbaluce 100%) pressate intere e fermentate a temperatura controllata dopo aver eliminato raspo, bucce e vinaccioli.
Bianco dal colore giallo paglierino scarico con riflessi vedognoli, si caratterizza da profumi fruttati e vivi. Al palato è un gradevolmente fresco con una marcata acidità
Vino bianco piemontese che grazie alla sua imponente struttura è molto adatto all'invecchiamento e anzi raggiunge il suo momento migliore dopo due/tre anni in bottiglia.
Ottimo in abbinamento a pesce in generale e tutti gli antipasti piemontesi.
Da servire a 10-12°C
Abbinamenti: pesce, antipasti, formaggi freschi, carni bianche

Scheda del vino Cieck Erbaluce di Caluso 2019

Regione Piemonte
Vitigno principale Erbaluce di Caluso
Uvaggio Erbaluce di Caluso 100%
Alcol (%) 12.5
Contiene solfiti
Imbottigliato da AZIENDA AGRICOLA CIECK S.S. - San Giorgio Canavese (TO) - Italia
L’azienda

Il Canavese, zona viticola ai piedi delle Alpi è la terra di origine dei vini Erbaluce di Caluso e Canavese DOC, si trova a nord della città di Torino ed è una delle più antiche aree viticole del Piemonte. Già al tempo dei Romani vi era praticata la coltura della vite. L’adattamento della coltura della vite alle condizioni climatiche ed ai vitigni autoctoni ha dato luogo all’adozione di forme di allevamento specifiche, prima fra tutte la Pergola Canavesana.

I terreni, che sono principalmente collinari, hanno origine morenica, ovvero derivano dall’ammasso di detriti dovuto all’avanza- mento dei ghiacciai preistorici. Si tratta quindi di terreni molto antichi e di natura sabbioso-ciottolosa. Il clima è caratterizzato da inverni rigidi e da estati calde, notevoli sono gli sbalzi termici tra notte e giorno.

I vigneti si estendono per circa 13 ettari e sono coltivati per la maggior parte con i vitigni autoctoni Erbaluce e Nebbiolo.

Tappo Sughero
Abbinamenti pesce, antipasti, formaggi freschi, carni bianche
Occasione A lume di candela, Cena vegetariana, Pic Nic, Rito quotidiano, Serata tra amici, Un grande classico per non sbagliare