-25%

San Patrignano Ora 2014 Sangiovese di Romagna DOC

Noelia Ricci Il Sangiovese Superiore 2018 Sangiovese di Romagna DOC

0.75 l
Noelia Ricci Noelia Ricci Il Sangiovese Superiore 2018 Sangiovese di Romagna DOC Rosso https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-noelia-ricci-il-sangiovese-superiore-sangiovese-di-romagna-doc.jpg
Gambero Rosso: Tre bicchieri

Disponibile

In enoteca: 15,90 €

su Vino.it: 11,90 €

6° DEI 10 VINI PIU' AMATI DI OTTOBRE
3 bicchieri Gambero rosso per il Sangiovese di Noelia Ricci!
Prodotto da uve provenienti da Fiumana di Predappio, questo Sangiovese 100% affina 6 mesi in acciaio e minimo 8 mesi in bottiglia prima di essere messo in commercio.
Rosso floreale e dal copro leggero, di grande eleganza e bevibilità.
Ottimo in abbinamento ad affettati e salumi.
Da servire a 16°C.


Abbinamenti: affettati e salumi
Potresti provare anche:
Travaglini Nebbiolo 2017 Coste della Sesia DOC

In enoteca: 15,90 €

su Vino.it: 13,50 €

Quartomoro Cannonau Òrriu  2017 Cannonau di Sardegna DOC

In enoteca: 14,00 €

su Vino.it: 11,50 €

Tenuta San Francesco “E' Iss”  2016  Campania IGT

In enoteca: 45,00 €

su Vino.it: 33,75 €

Scheda del vino Noelia Ricci Il Sangiovese Superiore 2018

Regione

Emilia Romagna

Vitigno principale Sangiovese
Uvaggio Sangiovese 100%
Alcol (%) 14
L’azienda Noelia Ricci è un progetto nato nel 2010 all’interno della Tenuta Pandolfa, una Tenuta ricca di storia che si estende per 140 ettari a Predappio, ai piedi dell’appenino Tosco-Romagnolo. La denominazione Pandolfa sembra che derivi direttamente da Sigismondo Pandolfo Malatesta, detto il “Lupo di Rimini”, che avrebbe stazionato a lungo in questi luoghi prima di accingersi a saccheggiare nel 1436 il Castello di Fiumana. Dal 1626 al 1941 i proprietari della Tenuta furono i Marchesi Albicini. Nel 1941 la proprietà passò al Commendator Giuseppe Ricci, imprenditore di Forlì. Negli anni della seconda guerra Mondiale, la storia della Pandolfa cambiò di segno. Da luogo ameno delle vacanze di marchesi, si trovò al centro delle tragiche vicende della guerra. Fu occupata dai tedeschi e poi attaccata dalle truppe polacche, mentre nelle sue cantine trovarono rifugio tantissimi sfollati. Ritornata la pace, negli anni ‘50, Giuseppe Ricci iniziò i lavori di rinnovamento della Tenuta, coinvolgendo noti artisti locali, che qui realizzarono opere d’arte all’altezza dell’eredità di questi luoghi. Ricci iniziò a ripensare anche alla produzione agricola, che era stata di grande importanza durante il periodo degli Albicini, acquistò due poderi adiacenti e impiantò vitigni di Sangiovese, Trebbiano e Albana.
Tappo Sughero
Abbinamenti affettati e salumi
Occasione Barbeque, Serata tra amici, Un grande classico per non sbagliare