-25%

Produttori del Barbaresco Barbaresco 2014 Barbaresco DOCG

Produttori del Barbaresco Barbaresco 2016 Barbaresco DOCG

0.75 l
Produttori del Barbaresco Produttori del Barbaresco Barbaresco 2016 Barbaresco DOCG Rosso https://vino.it/media/catalog/product/v/i/vino-produttori-del-barbaresco-barbaresco-2014-barbaresco-docg.jpg
Parker: 95 punti

Disponibile

In enoteca: 35,30 €

su Vino.it: 26,50 €

95 Punti di Parker per il Barbaresco 2016 dei Produttori del Barbaresco!
Produttori del Barbaresco è la realtà più importante nella produzione di questo grande vino e conta oggi 50 membri e circa 110 ettari di vigneti a Nebbiolo.
Questo Nebbiolo fermenta in acciaio e poi rimane per 30 giorni sulle bucce. L'affinamento in legno dura invece 24 mesi.
Il Barbaresco 2016 é un’annata di corpo pieno, caratterizzata da aromi di frutta rossa matura, tannini equilibrati,ottima bevibilità
Annata capace di donare vini longevi, con ottimi profumi e ricchi di note minerali.
Ottimo in abbinamento a paste all’uovo, piatti di carne e formaggi a media stagionatura.
Abbinamenti: pasta all'uovo , primi a base carne, formaggi di media stagionatura
Potresti provare anche:
Bruna Grimaldi Barolo Bricco Ambrogio  2014  Barolo DOCG

In enoteca: 40,00 €

su Vino.it: 34,50 €

La Spinetta Starderi 2015 Barbaresco DOCG

In enoteca: 130,00 €

su Vino.it: 119,00 €

La Spinetta Valeirano 2015 Barbaresco DOCG

In enoteca: 140,00 €

su Vino.it: 119,00 €

Scheda del vino Produttori del Barbaresco Barbaresco 2016

Regione

Piemonte

Vitigno principale Nebbiolo
Uvaggio 100% Nebbiolo
Alcol (%) 13.5
L’azienda Il 1894 è un anno fondamentale per Barbaresco. Prima di quella data il Nebbiolo qui coltivato era venduto per produrre vino Barolo oppure vinificato come semplice vino da pasto. Nel 1894 Domizio Cavazza, allora preside della Regia Scuola Enologica di Alba e residente a Barbaresco, dove era proprietario del Castello e dell’annessa azienda agricola, creò le «Cantine Sociali di Barbaresco» per la «produzione di vini di lusso e da pasto» Riunendo attorno a sè nove tra agricoltori e proprietari, egli iniziò a vinificare nelle cantine del Castello ed a denominare il vino con il nome del paese stesso. Cavazza morì nel 1913 e la cantina sociale fu chiusa negli anni 20. Nel 1958, rifacendosi a quella tradizione, Don Fiorino Marengo, allora parroco di Barbaresco, riunì diciannove agricoltori e fondò la Produttori del Barbaresco «per la qualifica e garanzia del Barbaresco». Oggi conta 50 membri con circa 110 ettari di vigneti a Nebbiolo (1/7 della zona d’origine) e controlla gran parte dei «cru» storici della zona
Tappo Sughero
Abbinamenti pasta all'uovo , primi a base carne, formaggi di media stagionatura
Occasione Barbeque, Degustazione tra esperti, My way, Un grande classico per non sbagliare