-30%

Ruffino Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro

Ruffino Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro

0.70 l
Ruffino Ruffino Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro https://vino.it/media/catalog/product/g/r/grappa_oro.jpg

Disponibile

In enoteca: 70,00 €

su Vino.it: 49,00 €

Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro Ruffino unisce la sapienza distillatoria di Berta alla tradizione vinicola di Ruffino.
Le vinacce da cui questa grappa nasce provengono infatti dalla vinificazione di Riserva Ducale Oro, il celebre Chianti Classico Riserva prodotto da Ruffino fin dal 1947. L'invecchiamento, inoltre, avviene nelle botti di rovere dove ha riposato per lunghi anni proprio Riserva Ducale Oro. Questo conferisce a Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro gli eleganti e profondi profumi tipici del Sangiovese chiantigiano.

Questa grappa viene spedita in un'elegante cofanetto di legno.

SPEDIZIONE IN 6 GIORNI

Scheda del vino Ruffino Grappa Invecchiata Riserva Ducale Oro

L’azienda

Ruffino

1877, nel borgo di Pontassieve, alle porte di Firenze, due gentiluomini fondano la casa vinicola Ruffino. I loro nomi sono Ilario e Leopoldo Ruffino, il loro sogno creare il “vino ideale”. 1913, Ruffino è acquisita dalla famiglia Folonari che ne preserva l’anima toscana portando una mentalità più organizzata e moderna. A Pontassieve viene inaugurata la linea ferroviaria e i giornali dell’epoca raccontano di un brindisi a base di Chianti Ruffino del 1878. 1945, la storia di Ruffino si interseca a quella d’Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale le cantine di Pontassieve vengono scambiate per la vicina stazione e distrutte dai bombardamenti. Gli anni ’50 e ’60 sono un periodo difficile in Italia, con la ricostruzione prima e lo sfaldamento del sistema mezzadrile poi. In questi anni Ruffino è un simbolo della Dolce Vita in Italia e all’estero, dove i suoi vini raggiungono oltre 100 Paesi e allietano le tavole di Charles De Gaulle, Re Gustavo di Svezia e della Regina Elisabetta. 1984, il Chianti diventa una DOCG e, quasi come un segno del destino, è una bottiglia di Chianti Ruffino a portare la prima fascetta, la numero AAA00000001. Gli anni ’90 sono un momento di splendore per i vini toscani e anche per Ruffino che ne è buon emblema. Il grandioso Colorino di Santedame dà vita al Romitorio e nasce Modus, destinato negli anni a venire a rappresentare meravigliosamente la categoria dei Supertuscan. Oggi, a più di 135 anni dalla sua fondazione e oltre 85 dalla prima annata di Riserva Ducale, Ruffino continua ad esprimere attraverso ogni bottiglia prodotta La Storia e la tradizione della Toscana. "Tramandare i valori di una terra e della sua gente attraverso la cultura. Perché cultura è anche vino" Da questo pensiero, espresso ormai più di un secolo fa da Ilario Ruffino, nasce quella che ancora oggi è la filosofia Ruffino: interpretare la produzione di vino in chiave culturale implica portare i classici valori del passato a contatto con l'energia della vita contemporanea al fine di ottenere vini che sappiano tramandare i valori di una terra e della sua gente.