Ruffino Greppone Mazzi 2007 Brunello di Montalcino DOCG

Ruffino Greppone Mazzi 2014 Brunello di Montalcino DOCG

0.75 l
Ruffino Ruffino Greppone Mazzi 2014 Brunello di Montalcino DOCG Rosso https://vino.it/media/catalog/product/2/1/213_1_1_1.png
Gambero Rosso: Due bicchieri rossi
Wine Spectator: 92 punti

Disponibile

In enoteca: 43,00 €

su Vino.it: 36,90 €

Greppone Mazzi Brunello di Montalcino è un Brunello di straordinaria eleganza e pienezza, piacevole, intenso, profumato, con un rapporto qualità-prezzo incredibile ed è un vino rosso con una potenzialità di invecchiamento eccezionale. Questo Brunello è un vino ben strutturato con sentori fruttati e con note balsamiche e cenni di cacao e nocciola. Il Greppone Mazzi Brunello di Montalcino è indicato in abbinamento a piatti ricchi di gusto a base di selvaggina o formaggi forti come il pecorino. il Brunello di Montalcino Greppone Mazzi è ospite elegante e importante per un tocco di stile alla vostra cena.
Abbinamenti: carne rossa, selvaggina
Ruffino
Potresti provare anche:
Ruffino Riserva Ducale 2016 Chianti Classico Riserva DOCG

In enoteca: 18,50 €

su Vino.it: 15,90 €

Scheda del vino Ruffino Greppone Mazzi 2014

Regione

Toscana

Vitigno principale Sangiovese
Uvaggio Sangiovese 100%
Alcol (%) 14.5
L’azienda

Ruffino

Ruffino

Ruffino nasce nel 1877, nel borgo di Pontassieve, alle porte di Firenze grazie ai cugini Ilario e Leopoldo Ruffino, il loro sogno creare il “vino ideale”. 1913, Ruffino è acquisita dalla famiglia Folonari che ne preserva l’anima toscana portando una mentalità più organizzata e moderna. A Pontassieve viene inaugurata la linea ferroviaria e i giornali dell’epoca raccontano di un brindisi a base di Chianti Ruffino del 1878. 1945, la storia di Ruffino si interseca a quella d’Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale le cantine di Pontassieve vengono scambiate per la vicina stazione e distrutte dai bombardamenti. Gli anni ’50 e ’60 sono un periodo difficile in Italia, con la ricostruzione prima e lo sfaldamento del sistema mezzadrile poi. In questi anni Ruffino è un simbolo della Dolce Vita in Italia e all’estero, dove i suoi vini raggiungono oltre 100 Paesi e allietano le tavole di Charles De Gaulle, Re Gustavo di Svezia e della Regina Elisabetta. 1984, il Chianti diventa una DOCG e, quasi come un segno del destino, è una bottiglia di Chianti Ruffino a portare la prima fascetta, la numero AAA00000001. Gli anni ’90 sono un momento di splendore per i vini toscani e anche per Ruffino che ne è buon emblema. Il grandioso Colorino di Santedame dà vita al Romitorio e nasce Modus, destinato negli anni a venire a rappresentare meravigliosamente la categoria dei Supertuscan. Oggi, a più di 135 anni dalla sua fondazione e oltre 85 dalla prima annata di Riserva Ducale, Ruffino continua ad esprimere attraverso ogni bottiglia prodotta la storia e la tradizione della Toscana, come con il Riserva Ducale Oro Gran Selezione, nato dalle uve di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot delle tenute Ruffino di Gretole e Santedame e affinato per 36 mesi di cui 12 in legno e 24 mesi in bottiglia

Tappo Sughero
Abbinamenti Carne rossa, selvaggina
Occasione Business lunch