Borgo San Daniele JIASIK BIANCO 2016 Venezia Giulia IGT

Borgo San Daniele JIASIK BIANCO 2017 Venezia Giulia IGT

0.75 l
Borgo San Daniele Borgo San Daniele JIASIK BIANCO 2017 Venezia Giulia IGT Bianco https://vino.it/media/catalog/product/j/i/jisaik_2.jpg

Disponibile

In enoteca: 16,50 €

su Vino.it: 13,90 €

Questo vino fresco e giovane è legato ad un luogo detto Jiasik (Giassico in italiano) è un piccolo borgo friulano a pochi chilometri dal confine, dove la cultura italiana e quella slovena si mescolano dando vita a tradizioni uniche.
Uniche proprio come la mescolanza tra la Malvasia Istriana e il Riesling di questo bianco, che raccolte a maturazione perfetta vengono vinificate dopo l'abbattimento della temperatura del grappolo intero, in modo da favorire la cessione di sostanze dalla buccia alla polpa dell'acino.
Questo bianco affinato in acciaio al naso è fresco e fruttato e mantiene la forza aromatica del riesling di pepe, sentori di fiori e frutta fresca un tipico e leggero minerale finale, e i profumi intensi e fruttati della Malvasia, e si caratterizza con una nota orientale di zenzero. Al palato davvero stupisce, quando la morbidezza della Malvasia incontra il carattere minerale del Riesling, per un bianco equilibrato, fresco e versatilissimo che si distingue tra tutti in Friuli Venezia Giulia.
Un calice di Jiasik bianco di Borgo San Daniele infatti è ottimo come aperitivo e delizioso con gli antipasti di pesce e i piatti di mare in genere. Goditelo adesso!
Temperatura di servizio: 10-12 °C
Abbinamenti: primi piatti vegetariani, formaggi freschi, caprese

Scheda del vino Borgo San Daniele JIASIK BIANCO 2017

Regione Friuli
Vitigno principale Riesling
Uvaggio Riesling, Malvasia
Alcol (%) 13
L’azienda
Borgo San Daniele

Un numero limitatissimo di etichette che parlano di una viticoltura rispettosa dell’ambiente e di un modo personale di interpretare i vitigni autoctoni friulani, come il Friulano ma anche il Pinot Bianco e il Pinot Grigio, quello di Mauro e Alessandra Mauri.

Secondo Alessandra e suo fratello Mauro “produrre pochi vini significa fare delle scelte. Ti educa a selezionare, a pensare. Nei 18 ettari di terreno che Borgo San Daniele coltiva vengono abbracciato da subito le buone pratiche della biodinamica, senza gridarle. Selezionando quelli più vocati, sono stati impiantati nuovi vigneti collocando i diversi vitigni con la massima attenzione per la posizione, l’orientamento, l’altitudine di ciascuno.”

In vigna e cantina il lavoro si concentra su potature verdi e diradamenti, malolattiche, lunghe fermentazioni sui lieviti indigeni e imbottigliamenti senza filtrazioni.

Le vendemmie sono manuali “dedicate”: un programma di raccolta teso a cogliere le diverse uve nel momento di perfetta maturazione di ciascuna, per conservare quella nota “croccante” che contraddistingue i vini di Borgo San Daniele. Nelle vigne non vengono utilizzati prodotti di sintesi: sì a rame e zolfo, ma soprattutto sì a infusioni di equisetum, tarassaco e ortica, che danno ottimi risultati se applicati in opportuni momenti della stagione vegetativa.

Così ogni vino è un nuovo figlio nato in un luogo magico.

Tappo Sughero
Abbinamenti Primi piatti vegetariani, formaggi freschi, caprese
Occasione Business lunch, Cena vegetariana, Notte Rosa, Rito quotidiano