Borgogno No Name 2013 Nebbiolo Langhe DOC

Borgogno No Name 2013 Langhe DOC

0.75 l
Borgogno Borgogno No Name 2013 Langhe DOC Rosso
Clicca qui per essere avvisato quando sarà di nuovo disponibile

Esaurito

In enoteca: 30,50 €

su Vino.it: 23,90 €

Un Barolo senza etichetta, un vino senza nome: questo è No Name, un gesto di protesta contro la burocrazia italiana nell’agricoltura. Questo vino nasce nelle migliori vigne, quelle che da sempre donano il Barolo più elegante e profumato: Cannubi, Fossati, San Pietro delle Viole. Questo vino affina nelle botti più piccole (si fa per dire: 33ettolitri), che riescono a esaltare la potenza e l’eleganza del Nebbiolo. Un Barolo non-Barolo da bere in tutte le occasioni!
Abbinamenti: pasta al ragù di anatra, tagliatelle ai porcini, risotto al tartufo, tagliata alla griglia, arrosto di manzo, brasato, formaggi stagionati
Borgogno
Potresti provare anche:
Prunotto Barolo 2013 Barolo DOCG

In enoteca: 38,00 €

su Vino.it: 32,90 €

Agricola Brandini Barolo Bio 2012 Barolo DOCG

In enoteca: 40,00 €

su Vino.it: 32,00 €

Agricola Brandini Filari Corti 2014 Langhe Nebbiolo DOC

In enoteca: 25,00 €

su Vino.it: 20,90 €

Mirafiore Barolo Lazzarito 2010 BAROLO DOCG

In enoteca: 60,00 €

su Vino.it: 54,90 €

Scheda del vino Borgogno No Name 2013

Regione Piemonte
Vitigno principale Nebbiolo
Uvaggio Nebbiolo 100%
Alcol (%) 14
L'azienda

Borgogno

Borgogno

Barolo: il cuore della zona di produzione del vino omonimo, un piccolo paese per uno dei più grandi vini del mondo. Qui la tradizione per la viticoltura traspare in ogni momento della vita degli uomini. La terra ha mostrato da secoli la propria vocazione; essa riunisce nel suolo dalle marne calcareo argillose, nelle esposizioni felici, nell’altitudine e nel clima gli elementi che fanno di questa zona il terroire per i vitigni piemontesi.

Il nome Borgogno è da sempre legato ad una delle più antiche case vinicole di Langa e del Piemonte. Tutto ha inizio nel 1761 quando Bartolomeo Borgogno fonda la cantina. Negli anni a seguire la storia dell’azienda si lega spesso a quella del nostro Paese, come nel 1861, anno in cui si realizza l’Unità d’Italia: il vino scelto per accompagnare il pranzo celebrativo dell'unificazione d'Italia ufficiale è il Barolo di Borgogno.

Nel centro storico del paese di Barolo, sorge la Casa Borgogno con le proprie cantine scavate nel tufo vivo della collina. Il punto di forza di Borgogno stà nel pieno rispetto della tradizione, che ricorda i vini di una volta, infatti vengono prodotti con vinificazioni tradizionali e naturali, per questo: non usa lieviti selezionati, non usa enzimi, non usa manno proteine.

Le pratiche di fermentazione sono sempre le stesse da molti decenni con fermentazioni lunghe, follature e rimontaggi a mano.

Nell’arco degli anni si sono affinate le tecniche, che permettono di avere dei vini vivi, veri e puliti, di anno in anno sempre diversi, in quanto si rispettano le caratteristiche dell’annata, ma sempre con quell’inconfondibile impronta di Borgogno dovuta ai lunghi affinamenti nelle grandi botti in Rovere di Slavonia.

Abbinamenti Pasta al ragù di anatra, tagliatelle ai porcini, risotto al tartufo, tagliata alla griglia, arrosto di manzo, brasato, formaggi stagionati
Occasione A lume di candela, Barbeque, Business lunch, My way, Serata tra amici, Un grande classico per non sbagliare
Dai un'occhiata anche a
Scrivi la tua recensione

Ogni cliente registrato può scrivere una recensione. Accedi o registrati