-25%

Capezzana Ghiaie della Furba 2012 Toscana IGT

Capezzana Ghiaie della furba 2012 Toscana IGT

0.75 l
Capezzana Capezzana Ghiaie della furba 2012 Toscana IGT Rosso
Wine Spectator: 91 punti

Disponibile

In enoteca: 35,50 €

su Vino.it: 26,60 €

Il Ghiaie della Furba Toscana IGT di Capezzana nasce nel 1979 dall’idea di Ugo e Vittorio Contini Bonacossi di produrre nel comune di Carmignano un vino con un uvaggio bordolese, dai vigneti accanto al torrente Furba e nel 1998 è stato arricchito dal Syrah.
Il Ghiaie della Furba è un vino rosso toscano che affascina per il colore rosso rubino molto intenso, quasi impenetrabile, ed è pronto a svelarvi a poco a poco la sua anima fruttata, morbida, ampia, magari in abbinamento ai piatti di carne della tradizione toscana, dallo spezzatino al cinghiale fino al peposo dell’Impruneta.
Un vino bio non facile da dimenticare, che annata dopo annata raccoglie i consensi di tutte le guide nazionali e internazionali.
94 punti da James Suckling!

Abbinamenti: filetto di cervo, petto d'anatra ai frutti rossi, pasta con ragù di cinghiale, tortelli di carne, filetto al pepe verde
Capezzana
Potresti provare anche:
La Massa “La Massa” 2014 Toscana IGT

In enoteca: 25,00 €

su Vino.it: 19,90 €

Abrigo Ravera 2013 Barolo DOCG

In enoteca: 46,50 €

su Vino.it: 39,00 €

Scheda del vino
Regione

Toscana

Vitigno principale Cabernet Sauvignon
Uvaggio 50% Cabernet sauvignon, 20% Merlot, 30% Syrah
Alcol (%) 14
L'azienda

Capezzana

Capezzana

A Carmignano la vite si coltivava già in epoca preromana, circa 3000 anni fa.

L'esistenza della tenuta di Capezzana, con i suoi vigneti e oliveti, è documentata dal 804 D.C. è infatti tra le più antiche aziende vinicole toscane produttrice di Vino nel Carmignano. Dopo diversi cambi di proprietà, negli anni '20 Alessandro Contini Bonacossi acquistò la proprietà di Capezzana, e la ampliò comprando anche due fattorie confinanti: il Poggetto e Trefiano.

L'azienda ha una superficie di 670 ettari, di cui 104 sono coltivati a vigneto, e 140 a oliveto. Nel 2013 l'azienda ha intrapreso il processo di conversione all'agricoltura biologica e nel 2015 ha iniziato la procedura per i certificati BIO (BIOAGRICERT) diventando così una delle prime aziende produttrici di Carmignano DOCG bio.

A Capezzana tutto è fatto con un obiettivo: continuare ad essere vignaioli nel rispetto della terra e continuare a produrre vini toscani docg, doc e igt.

E nel rispetto della terra e delle antiche tradizioni gli uomini e le donne della Cantina Capezzana coltivano i vitigni come il sangiovese, canaiolo nero, chardonnay, cabernet sauvignon, merlot del Ghiaie della Furba, syrah che danno origine a grandi vini toscani come il Villa di Capezzana Carmignano D.O.C.G., vino rappresentativo del territorio e vino storico dell'azienda dato che la famiglia ha bottiglie dall'annata 1925, il Barco Reale D.O.C. (considerato un po’ come il fratello più giovane del Villa) o il Sessanta I.G.T. un'edizione limitata prodotta nel 2007, il Trefiano D.O.C.G., e il supertuscan Ghiaie della Furba I.G.T. o il Vin Ruspo D.O.C., vino rosato di Carmignano doc. A Capezzana però si producono anche vini bianchi, come un insolito e particolarissimo Trebbiano I.G.T. che rappresenta la novità e la scommessa dell'azienda e prodotto per la prima volta nel 2000. Da non dimenticare poi il Vin santo di Capezzana uno dei vini dolci più buoni al mondo.

Abbinamenti filetto di cervo, petto d'anatra ai frutti rossi, pasta con ragù di cinghiale, tortelli di carne, filetto al pepe verde
Occasione A lume di candela, Business lunch, Degustazione tra esperti
Dai un'occhiata anche a

 

Scrivi la tua recensione

Ogni cliente registrato può scrivere una recensione. Accedi o registrati