Cenatiempo: Ischia tra cielo e mare

Cenatiempo: Ischia tra cielo e mare

A Ischia i vigneti crescono affacciati sul mare, in coriandoli di terra circondati dalla macchia mediterranea. Qui non troverete lo Chardonnay o il Sauvignon, perché qui il vino parla ischitano, con un'unica doc nata da sole uve autoctone.

Anche i vini di Cenatiempo seguono la tradizione: nascono da uve locali da agricoltura biologica, come il Biancolella e il Per e’ Palummo, che esprimono i colori, i sapori, di un'isola che ha così tante sfaccettature da sembrare un continente.

Il Biancolella, arrivato dalla Grecia attraverso la Corsica, ha trovato nell'isola di Ischia, con il suo terreno vulcanico e il clima caldo e ventoso il suo habitat ideale. Nel bicchiere ha un profumo fruttato e mediterraneo, con note agrumate e di frutta a polpa gialla, e al palato è fresco e piacevolmente sapido. È ideale con tutta la cucina di mare: dalla pasta alle vongole ai crostacei alle alici. Da provare poi con la mozzarella! Perfetto per l'estate, non credete?

Il Per ‘e Palummo invece, è chiamato così per il suo graspo a zampetta di piccione, ed è spesso paragonato al Pinot Nero perché come questo è complicato in vigna e in cantina, e richiede dedizione totale. In cambio regala un vino minerale e sapido, intenso ma con tannini delicati. Queste caratteristiche lo rendono ideale come rosso da pesce (con le zuppe per esempio) e con piatti delicati come il coniglio all'ischitana. Vi va di provarlo?

Scopriteli adesso!

1 vini

per pagina

1 vini

per pagina