Tintilia: la riscossa del Molise

Tintilia: la riscossa del Molise

Il Molise, a torto considerato come zona vitivinicola "minore", sta vivendo un'autentica rinascita grazie al suo unico vitigno davvero autoctono: la Tintilia.

Basta un bicchiere per innamorarsi del suo colore intenso ma soprattutto dei suoi particolari profumi con note di liquirizia, della sua struttura e dei suoi tannini setosi. Come abbinarlo? Non ci sono dubbi: un vino e di carattere come questo dà il meglio con i piatti ricchi di gusto, le zuppe rustiche, i formaggi stagionati e le carni saporite come quella di agnello.

1 vini

per pagina

  • Gambero Rosso: Due bicchieri
    A.I.S.: Una vite
    Claudio Cipressi è stato uno dei primi a recuperare questo vitigno autoctono molisano dalle grandi potenzialità, e ne ha fatto un vino di struttura ed eleganza. Il colore rosso vivo e brillante, con riflessi granato, anticipa un vino dalle note balsamiche e speziate, che al palato dà il meglio, così rotondo e avvolgente. Ideale per gli abbinamenti con piatti rustici della tradizione, con le zuppe di legumi e con la carne alla griglia, anche di agnello e capretto. Una vera chicca! Vai al vino...
    Abbinamenti: zuppa di fave, minestra di farro e lenticchie, pasta e ceci, agnello al forno, capretto arrosto, grigliata mista

    In enoteca: 18,50 €

    su Vino.it: 16,90 €

1 vini

per pagina