Romano Dal Forno: vini unici per un'esperienza da ricordare

Romano Dal Forno: vini unici per un'esperienza da ricordare

Romano Dal Forno, a 22 anni, conosce il maestro dell'Amarone Giuseppe Quintarelli che lo guida nei suoi primi passi nel mondo del vino, e lo rende destinato a grandi successi.

Romano insegue un sogno: creare un vino perfetto, così longevo da poterlo assaporare anche dopo 40-50 anni. Tutto in cantina a Illasi è studiato nei minimi particolari in un mix perfetto di tradizione, tecnologia e precisione maniacale. Dopo anni di fatiche e difficoltà, il suo sogno si è avverato e lui è diventato uno dei produttori d'Italia più affermati e famosi.

A Romano Dal Forno vanno molti meriti: la scelta di eliminare la Molinara dall'uvaggio dell'Amarone, un vitigno che ha dimostrato di avere chiari limiti; la riscoperta dell'Oseleta, impiantata nel '91, sulla quale ha potuto effettuare molte sperimentazioni e che oggi fa parte in modo determinante delle uve che confluiscono nell'Amarone.

Il suo Amarone della Valpolicella nasce da una grande passione e da una conoscenza unica di ogni singola fase della vinificazione, delle sue vigne e delle tecniche di appassimento.

Il regno della tecnologia è anche nella zona dell'appassimento delle uve, dove i grappoli riposano in cassettine attraversate da ventilatori semoventi, governati da un computer che raccoglie i dati da alcune sonde. Se l'umidità cala troppo i ventilatori si spengono, viceversa aumentano la portata d'aria. Le finestre hanno un agestione automatizzata governata da più stazioni meteoriche che aprono e chiudono a seconda dei parametri prestabiliti.

Oggi l'azienda è guidata da Romano e da Luca, Michele e Marco, dando cosi continuità ad un progetto generazionale. La produzione si concentra su due aree ben distinte. La Val d'Illasi, ideale per la produzione di Corvina e Corvinone e Lodoletta, zona più piana a meta della valle, dove è anche situata l'azienda.

L'Amarone di Dal Forno rappresenta un'esperienza da ricordare per chi ha la fortuna di assaggiarlo, regalalo o goditelo per Natale.

1 vini

per pagina

1 vini

per pagina