Benanti: vini Etna Doc nati sul vulcano.

Benanti: vini Etna Doc nati sul vulcano.

Sull'Etna le escursioni termiche anche di 30 gradi e terreni scoscesi e ricchi di minerali rendono difficile la vegetazione, ma questo non vale per i vitigni autoctoni della Doc Etna, che sono qui da sempre come Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio e che qui danno vini rossi siciliani molto interessanti, come quelli di Cantina Benanti, una delle più famose cantine vinicole siciliane.

La Sicilia è famosa soprattutto per vini come il passito di Pantelleria, la Malvasia delle Lipari, il Cerasuolo di Vittoria e il Moscato di Noto, oltre al vino liquoroso passito Marsala, ma grazie all'azienda vinicola Benanti la Doc Etna è diventata ormai famosa in tutto il mondo.

Se i vini siciliani sono normalmente molto potenti, nei vitigni coltivati sul versante nord dell’Etna, che si estendono da Castiglione di Sicilia in provincia di Catania fino a quote anche di 1000 metri sul livello del mare, il sole e le forti escursioni termiche danno alle uve una ricchezza di aromi unica, e la mineralità del terreno regala ai vini Etna una freschezza quasi alpina, che ricorda i vini dell'Alto Adige.

Ecco perché il vino dell’Etna differisce dal vino siciliano in generale, per quanto riguarda l’Etna Bianco, ad esempio, ottenuto con i vitigni tipici dei vini bianchi siciliani come Cataratto e Grillo, ma che si contraddistingue eleganza, mineralità e corpo, oltre che per una innata longevità. Se cercate un bianco da invecchiamento allora non abbiamo dubbi nel consigliarvi il Pietramarina di Benanti Vini, un vino bianco siciliano considerato tra i migliori d’Italia e che può tranquillamente affinare in cantina per una decina d'anni o più.

Per quanto riguarda l’Etna Doc rosso, invece, a differenza dell’altro vino rosso siciliano in cui prevalgono il Nero d’Avola e il Frappato, talvolta accompagnati dal Cabernet Sauvignon, i vitigni utilizzati sono quelli autoctoni del vulcano: il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio. Queste uve sono co-protagoniste in un vino rosso dell’azienda vinicola Benanti che nasce da un lungo affinamento in legno e che annata dopo annata è premiato a livello internazionale: il Serra della Contessa.

Benanti nasce da una passione di famiglia, quella che nel 1988 Giuseppe Benanti nonno metteva nella produzione di vini nel suo antico podere di fine dell'800 situato nei terreni etnei, più precisamente sulle pendici dell'Etna a Viagrande. Passione che ha trasmesso ai figli e ai nipoti che oggi nel vino cercano di ottenere le antiche fragranze con moderne tecniche di vinificazione.

Dimentica i vini siciliani come li hai sempre conosciuti, questi sono vini Benanti dell'Etna: provali adesso a prezzo speciale con la selezione Nati sul vulcano, che comprende l’Etna Doc Rosso, l’Etna Doc Bianco, il Nerello Mascalese e il Nerello Cappuccio oppure scegli il tuo preferito!

7 vini

per pagina

7 vini

per pagina