Leone De Castris: i migliori vini del Salento

Leone De Castris: i migliori vini del Salento

Leone De Castris è una delle più famose cantine d’Italia e rappresenta una pietra miliare dell’enologia del Salento pugliese, non solo per quanto riguarda i migliori vini rossi pugliesi e soprattutto i vini del Salento con la sua storica etichetta Five Roses, ma anche alcuni vini rossi come il Salice Salentino, nome del comune omonimo dove è nata la cantina Leone De Castris nel 1665.

Leone De Castris ha vini storici, che sono stati importanti per la crescita di questa cantina, e forse il più importante di tutti è il Five Roses, il primo rosé ad essere imbottigliato in Italia ed esportato negli Stati Uniti a partire dal 1943 (quando era imbottigliato in bottiglie di birra a causa del conflitto mondiale e dei conseguenti problemi di approvvigionamenti) e uno dei migliori vini rosati del Salento. Questo vino nasce dalle uve di Negroamaro, e il suo nome deriva dal fatto che fu richiesto sul finire della guerra dal generale Charles Poletti, che volle un nome americano per questo rosato nato nel rione cinque rose, che si chiamava così per la presenza di cinque figli. Il suo colore rosa cerasuolo e il suo gusto stuzzicante rendono il Five Roses un vino dall’estrema versatilità negli abbinamenti, dai piatti di pesce ai salumi, dagli aperitivi con fritture e finger food, ai risotti primaverili fino al classico prosciutto e melone.

La fama della cantina Leone De Castris è però soprattutto legata a Salvatore Leone De Castris, che ha reso per primo i vini pugliesi Leone De Castris famosi nel mondo, tanto che oggi quest’azienda porta dalla provincia di Foggia, da Castel Del Monte, da Gioia del Colle e da San Severo i vini della Puglia fino agli estremi della terra, dall’Australia al Canada, dal Giappone al Brasile.

Dalle uve autoctone pugliesi come il Primitivo di Manduria, il Nero di Troia, la Malvasia Nera e il Negroamaro nascono vini pugliesi rossi come il pregiato Salice Salentino rosso riserva, sapientemente invecchiato in legno e ormai giunto alla sua 50 vendemmia, il Salice Salentino Villa Santera, il Primitivo di Manduria e naturalmente una vasta gamma di vini Salento Igt come il rosso pugliese Elo Veni. Da non dimenticare poi i vini nati dalle uve a bacca bianca, come il Bombino Bianco e perfetti con tutti i piatti di pesce fresco come il fresco Fiano Angiò e la profumatissima Verdeca,

I vini Leone De Castris hanno prezzo accessibile e qualità ottima, che rende questa cantina una delle migliori di Puglia.

I vitigni autoctoni coltivati dalla cantina Leone de Castris sono: Negroamaro, Primitivo, Malvasia nera, Verdeca, Aleatico, Malvasia bianca, Bianco di Alessano, Moscato, Susumaniello e Ottavianello.

Fai scorta per la bella stagione, i vini Leone de Castris sono perfetti per l'estate!

1 vini

per pagina

  • Il Marlisa di Leone De Castris è un vino rosso ottenuto senza solfiti aggiunti, che riesce a esprimere pienamente il carattere fruttato e aromatico del Negroamaro del Salento. Se come gli altri vini rossi di questa Doc, come il Donna Lisa, uno dei migliori vini dell’intera denominazione, nasce dalle uve coltivate nel comune di Salice Salentino, il Marlisa si distingue perché è ottenuto dai vigneti coltivati ad alberello, il sistema tradizionale di coltivazione delle vigne nella regione puglia, e in particolare nelle province di Brindisi e Lecce. Grazie al sapiente affinamento di sei mesi in legno e altri sei in bottiglia, questo vino così polposo e strutturato dà il meglio in abbinamento a piatti dal gusto deciso, come agnello arrosto, pasta al forno, spezzatino di cavallo. Vai al vino...
    Abbinamenti: antipasti, salumi, formaggi stagionati, primi a base carne, ragù di anatra, carne rossa, carne bianca

    In enoteca: 16,00 €

    su Vino.it: 12,90 €

1 vini

per pagina