Rosso di Montalcino Doc: quasi un Brunello

Rosso di Montalcino Doc: quasi un Brunello

Stesse uve, stessa famiglia. Questo è il rosso di Montalcino, nato anch'esso da Sangiovese grosso ma da vigneti più giovani e con un affinamento di solo un anno, e quindi più fresco e di beva più facile, adatto a chi ama i profumi del Brunello di Montalcino ma vuole un vino da bere subito e versatile negli abbinamenti che sia comunque l'espressione della tradizione e del terroir della Toscana.

Non di rado un ottimo vino Rosso di Montalcino addirittura rivaleggia con il Brunello, ma quali sono le caratteristiche di questo piccolo grande vino rosso? All'aspetto è brillante e limpido, con colore rubino composito; all'olfatto ha buona intensità e fragranza , si riconoscono profumi di frutti freschi, mentre al palato è armonicamente asciutto, ha nerbo e freschezza con buona persistenza aromatica.

È un vino di pronta beva particolarmente suadente e morbido, che preferisce essere bevuto in età giovanile anche se ben resiste all'invecchiamento fino a una decina d'anni in cantina.

Rispetto al Brunello di Montalcino, il Rosso di Montalcino Doc (anch'esso da servire alla temperatura di circa 18°) è molto più versatile negli abbinamenti: le sue caratteristiche sono esaltate dai piatti tipici della cucina toscana dal gusto schietto e deciso ma, ugualmente, valorizza le più diverse proposte della cucina internazionale, abbinandosi a piatti di media struttura, quali primi di pasta con sugo di carne, di pollame, di funghi o tartufi, risotti ricchi come quello alla salsiccia o il risotto al castelmagno e infine secondi preparati con carni di maiale o vitello salsato.

Preparatevi a servire un grande rosso italiano, se lo ordinate adesso domani arriva già a casa vostra!