Monica: l'uva di Sardegna

Monica: l'uva di Sardegna

Il Monica è uno dei vitigni più antichi e più coltivati Sardegna, l'unica regione d'Italia in cui si trova, pur essendo allo stesso tempo uno dei meno famosi, a vantaggio di altri come il Cannonau e il Carignano del Sulcis.

Sembra che sia arrivato in Sardegna grazie ai monaci Camaldolesi intorno all'anno Mille. Secondo un'altra teoria, invece, la sua provenienza è strettamente legata alla dominazione spagnola, perché in alcune zone dell’isola il vitigno viene chiamato "Monica di Spagna" o “Uva Mora”.

Queste uve dalla buccia spessa, dopo essere entrate a far parte della denominazione Mandrolisai con Bovale e Cannonau, hanno meritato negli anni di dare vita ad un vino con una propria denominazione di origine, il cui disciplinare prevede la vinificazione in purezza.

Il bel color rosso rubino con riflessi violacei, i profumi fruttati di ciliegia, mora e confettura di frutti rossi e i tannini morbidi lo rendono il vino perfetto da servire fresco durante la bella stagione, magari per un aperitivo diverso dal solito con pecorini e salumi, oppure in abbinamento ad una gustosa pasta con ragù di salsiccia.

Ottimi anche gli abbinamenti con la carne di maiale e con i piatti della tradizione sarda come caciotta fresca, Fiore sardo, gallina con mirto, impanadas. Va degustato in calici di media capacità svasati, a una temperatura di 14-16°C.

Provate oggi questo vino rosso sardo inconsueto e godibilissimo, assaggiate la Monica Perdera della Cantina Argiolas!

2 vini

per pagina

  • Dalle uve sarde di Monica raccolte nelle prime ore del mattino, e con una piccola aggiunta di uve di Carignano e di Bovale Sardo, nasce questo vino rosso dall'invitante profumo vinoso e intenso e dal gusto rotondo ed equilibrato. Il Monica è uno dei vitigni più antichi e più coltivati Sardegna. Sembra che sia arrivato in Sardegna grazie ai monaci Camaldolesi intorno all'anno Mille. Secondo un'altra teoria, invece, la sua provenienza è strettamente legata alla dominazione spagnola, perché in alcune zone dell’isola il vitigno viene chiamato "Monica di Spagna" o “Uva Mora”. Il Perdera 2015 della cantina Argiolas affina per un breve periodo in piccoli fusti di rovere francese, e a tavola stupisce per la sua grande versatilità negli abbinamenti: non solo è perfetto con i primi con ragù di carne, l'agnello in umido e le minestre, ma si sposa bene anche con zuppe di pesce e intingoli di pesce dal gusto intenso! Dopo averlo provato avrete un altro buon motivo per amare i vini della Sardegna. Da servire a 14-16°C Vai al vino...
    Abbinamenti: salumi e pecorini stagionati, tortelli di patate al ragù di cinghiale, tagliatelle con zucca e salsiccia, risotto alla pilota, minestre di legumi e cereali, zuppa di pesce, agnello in umido e al forno

    In enoteca: 13,00 €

    su Vino.it: 9,90 €

  • NOVITÀ
    Santadi Antigua 2015 Monica di Sardegna DOC
    Gambero Rosso: Un bicchiere
    Vino di antica tradizione isolana proveniente da una selezione delle migliori uve Monica. Fruttato e di medio corpo, grazie al suo carattere fruttato e il tannino morbido può essere bevuto anche leggermente fresco a 14-16°C. Perfetto con l'agnello! Vai al vino...
    Abbinamenti: capretto e agnello, carni alla griglia, selvaggina, formaggi di media e lunga stagionatura

    In enoteca: 10,00 €

    su Vino.it: 8,90 €

2 vini

per pagina