Vini affinati in legno

Vi piacciono i vini affinati in legno? Ecco la sezione di Vino.it giusta per voi dove troverete i migliori Barolo affinati in botte grandi, i grandi Supertuscan affinati in barrique e tanti altri vini impreziositi da un sapiente invecchiamento in legno.

Il legno regala al vino una struttura più corposa, ammorbidendo i tannini duri nel caso dei rossi e in particolare del Sangiovese, e regalando profumi di spezie e tabacco, vaniglia e brioche ai vini bianchi, ai rossi e agli spumanti. Il vino invecchiato in legno, inoltre, riesce ad evolvere meglio nel corso del tempo, ecco perché i più grandi rossi italiani da invecchiamento, dal Brunello al Barolo, hanno un periodo di invecchiamento in legno.

Barrique o botte? Dai tempi dei Barolo Boys la diatriba è aperta, secondo le cantine più tradizionaliste di Barolo, Barbaresco, Brunello e Amarone, i vini rossi devono essere invecchiati in botte, secondo le correnti moderne, legate soprattutto ai Supertuscan, ai Bordeaux e alla DOC Bolgheri, la barrique dà migliori risultati. Alcuni ottimi esempi di entrambi i “fronti” sono l’Amarone Bertani e il Barolo Oddero da una parte e il Bolgheri Superiore Guado al Tasso e lo Château Lynch Bages dall’altra.

In questa sezione troverete però anche un’ampia selezione di vini bianchi affinati in legno: gli Chardonnay della Borgogna, i grandi bianchi italiani come il Cervaro della Sala di Antinori, il Vintage Tunina di Jermann e il Jakot di Radikon. Uno dei vini bianchi su cui l’affinamento in legno ha il migliore effetto è lo Chardonnay, che acquisisce aromi burrosi, golosi, di brioche e caramello: un’ottima dimostrazione è lo Chardonnay di Robert Mondavi.

Troverete infine anche alcuni vini dolci e spumanti, in cui il passaggio in legno ha contribuito ad arricchire di profumi e aromi unici.

Scegliete il vostro vino invecchiato in legno preferito, vi arriverà in 24 ore a casa vostra.

Vini da 1 a 60 di 239 in tutto

per pagina

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Vini da 1 a 60 di 239 in tutto

per pagina

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4